Alle iene fameliche

Le vostre facce sorridenti danno il voltastomaco. Quando vi vediamo in televisione, coi vostri abiti sartoriali e i capelli curati dai bravi parrucchieri dietro le quinte, non possiamo fare a meno di pensare alle ingiustizie che viviamo ogni giorno, coi nostri lavoretti pagati poco e niente, un giorno sì e uno no, un anno sì e uno no, un lavoratore sì e uno no. Lo so, pensate che il nostro sia solo rancore: esatto. E perché non dovremmo provarlo? Pensate di sedarci con le vostre quotidiane partite di calcio mirabilmente riprese, i gratta e vinci, i grandi fratelli, le stupide sorelle svestite, le scommesse negli squallidi point, le interminabili, profonde, inconcludenti discussioni su quel calciatore che non segna più o su quell’allenatore che vinceva sempre? Mi dispiace, non ci domerete mai tutti. Mai. E’ rancore, puro, ma non perché vorremmo essere al posto vostro, piuttosto perché vorremmo essere al nostro posto, di lavoro, dignitosamente, sobbarcandoci anche l’assurda croce di una mediocrità infinita fino agli ultimi nostri giorni. Che scemi che siamo vero? Esatto. Preferiremmo vivere il tempo libero per amare, leggere, fare l’amore, esprimerci, prendere il sole e passeggiare sotto la neve, ascoltare un concerto  o tirar tardi fino allo sfinimento nel club che pompa la nostra musica preferita. Eppure siamo disposti a sacrificarci pur di essere considerati, semplicemente, persone. A questo punto, cari notabili italiani, fateci un favore: almeno in televisione, non sorridete più. Perché non c’è un cazzo da ridere.  Torto

Annunci

6 risposte a Alle iene fameliche

  1. ArCaN0 ~ Marco P. ha detto:

    …fanno maxi feste, vanno avanti a colpa di bunga bunga… ma ogni volta che fanno ciò fanno un’insulto alla vita… la nostra vita … e fatemi essere volgare: ” Quando il presidente del consiglio evita l’arresto ad una extracomunitaria e poi se la chiava, paradossalmente quelli che lo stanno prendendo nel culo siamo noi”!!!

    IN TORTO WE TRUST!!!

  2. pinocchio74 ha detto:

    DA UN ALTRO PIANETA
    La Costituzione della Repubblica Italiana

    Principi fondamentali
    Art. 4

    La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. (si puo inserire un comma all’art. 4 scrivendo dopo quanti anni si acquisisce questo diritto? Considerato che qualcuno vorrebbe tanto metterci mano a sta Costituzione potrebbe essere un consiglio…. Nooooo????)

    Pierluigi Bersani: i valori della SINISTRA (vieni via con me)

    Abbiamo la più bella costituzione del mondo…
    ( si peccato che è solo bella)

    Il lavoro non è tutto, ma questo può dirlo solo chi il lavoro ce l’ha Il lavoro è la dignità di una persona sempre, e soprattutto, quando hai trent’anni e hai paura di passare la vita in panchina.

    Ma chiamare flessibilità una vita precaria è un insulto.

    E allora un ora di lavoro precario non può costare meno di un ora di lavoro stabile.

    Gianfranco Fini: i valori della DESTRA (Vieni via con me)

    Destra vuol dire senso dello Stato etica pubblica cultura dei doveri (…)che deve valorizzare l’esempio degli italiani migliori (…) che chi fa il proprio dovere viene premiato.
    (…)
    Da questa vera uguaglianza, l’uguaglianza delle opportunità la destra vuole costruire una società in cui il merito e le capacità siano i soli criteri per selezionare una classe dirigente (…)

    La destra vuole un paese in cui chi lavora di più e meglio viene pagato di più.

    ( dovrei imparare a ballare “bene” sul cubo magari verrò premiata).

    Ma sti due personaggi si sono teletrasportati da un altro pianeta o forse non sanno che il vicino di casa trentenne che da 10 anni è precario il quale crede fermamente nell’articolo 4 della Costituzione Italiana, è ancora in panchina e ne per merito e ne per diritto ha un posto di lavoro che gli garantisca dignità?
    Ma di cosa parlano??? Dignità, dovere, diritti, uguaglianza, capacità, merito…
    Destra Sinistra… ma serve davvero scindere o scegliere Destra o Sinistra… credevo bastasse essere vivi per avere dignità, dovere, diritti, uguaglianza, capacità, merito!
    Forse è vero sono appena arrivati da un altro Pianeta.

  3. Rolando ha detto:

    Condivido tutto quello che dici dal primo post che hai pubblicato.
    Non è mia abitudine commentare per dire soltanto “sono d’accordo, bravo!”.
    In questo caso oltre a essere d’accordo credo anche che la colpa sia un pò nostra… loro fanno ma noi accettiamo passivamente… il grande fratello, le partite li abbiamo voluti noi e a noi stanno bene così (mi ci metto dentro anche io, ci metto dentro tutti gli italiani!).
    Io ormai ho 31 anni, sono cresciuto senza internet, con una tv diversa da quella di oggi, un minimo so distinguere. Ero un ragazzino che andando a scuola nel walkman aveva Assalti frontali, Lou-X e pensa quanto ero scemo: credevo davvero nelle cose che sentivo ed ero convinto che prima o poi avremmo avuto un mondo diverso. Ma speravo in meglio, non mi aspettavo certo che sarebbe finita così. Sì, finita! Perchè se non ci svegliamo è davvero finita!!!
    Istruzioni per l’uso: spegni il cervello, accendi la tv! Io non ci sto, facciamoci vedere, facciamoci sentire… non lo so più nemmeno io cosa bisogna fare ma di certo non rassegnarsi!!!!!!!
    Non so se mi sono spiegato, mi sono appena svegliato e sono ancora un pò rincoglionito (giusto in tempo per Cotto e mangiato)!
    Continua a postare!

    • ArCaN0 ~ Marco P. ha detto:

      C’entra poco col blog ma: GRANDE LOU-X!!!!
      Il grande fratello non lo contesto per quanto mi faccia cagare, il voyeurismo è sempre stato insito nell’animo umano quindi non mi meraviglia che faccia ascolti decenti… a napoli si narra una leggengda secondo cui Mussolini mise mille lire dell’epoca a disposizione per chi si faceva i fatti propri e che quella mille lire sia rimasta lì a ricoprirsi di ragnatele….(santa saggezza popolare)
      Peace!

    • torto45 ha detto:

      Mi sono innamorato del rap quando ho ascoltato il mitico primo L.P. di Onda Rossa Posse, poi Assalti Frontali, insieme a Isola Posse e Sud Sound System. Oltre ai newyorkesi Public Enemy. E’ stata una rivelazione, per me, capire che anche qui, in Italia, a Roma, Bologna o in Puglia, era possibile declinare lo spirito sincero e costruttivo, la poesia di impegno civile del rap nella nostra lingua e addirittura nei dialetti. Credo sia tuttora una delle pagine migliori del rap e dell’hip hop nel nostro paese. Certo, erano anni antidiluviani, prima di internet e dei cellulari, ma il vento di cambiamento respirato in quegli anni era evidente e soffiava forte, dal Sud Africa all’Irlanda, da Berlino a tutta l’area del vecchio Patto di Varsavia. Si sperava in un altro mondo, più pacifico, giusto ed evoluto. La prima guerra in Iraq ci riportò coi piedi per terra. Per cui capisco benissimo ciò che provi. Oggi, però, non posso pensare che sia tutto finito. Penso, al contrario, che quel mondo, finalmente tramontato, ci offra la possibilità di pensare a un nuovo “patto” tra i popoli, proprio perchè afflitti da guerre insensate e ingiustizie nella distribuzione dei redditi e dei diritti su scala mondiale. Ingiustize mai state così evidenti e scandalose. Mai così giustamente contestabili.

  4. Rolando ha detto:

    Mai pensare che sia tutto finito… almeno, parlo per me, finchè sarò vivo in testa dovrò avere sempre un obiettivo… se poi lo raggiungerò o meno non lo so, ma quello che mi piacerebbe è sentire la gente dire “dai, proviamoci!”.
    Questo benedetto patto tra i popoli bisogna farlo prima che sia troppo tardi… anche ognuno nel suo piccolo! E’ una cazzata e forse nemmeno c’entra molto ma quando sono stato per le strade di Bucarest un gruppetto di operai (6 euro al giorno di “stipendio”) mi ha invitato a mangiare le loro salsicce e bere la loro birra. Sembra poco, ma è un gesto che tanti italiani non farebbero mai, a me hanno dato una grande lezione… gente che ha poco o niente ma che quel poco è pronta a dividerlo con te senza chiederti di dove sei, senza chiederti quanto guadagni!
    Sul discorso musica ti quoto al 100%, d’altra parte credo proprio che tu ne sappia qualcosa! Ciao!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...