Lo pensi, lo scrivi, lo fai

serrati

serrati

Sarebbe bello potersi sentire, almeno per una volta nella vita, uniti. Affrontare le difficoltà insieme, sostenendo con le braccia di tutti il peso della necessità che ci schiaccia. Per poterlo reggere meglio e per sempre. Spendere una parola in più, da regalare a qualcuno, come un assegno in bianco che copra un debito di significato, che sazi la fame di conversazione, quando non c’è nessuno per strada e mille finestre illuminano la solitudine con luci crudeli di tv. Sarebbe opportuno riuscire a restare, almeno per una volta nella nostra vita, uniti. Perché nessuno dei nostri avversari, in quel momento, avrebbe la forza e la voglia di farci del male. Sarebbe grandioso riuscire a ritrovarsi tutti. Un altro giorno ancora. Come ieri. Oppure come un giorno completamente diverso. Con tutta la libertà di scegliere di chi non conta. Sarebbe bello potersi sentire, almeno per una volta nella vita, sé stessi. Perché non abbiamo da difendere imperi, fedi, ortodossie, poteri. Dobbiamo e dovremo difendere solo la nostra pelle. La pelle dei più. Sarebbe bello sì. Così bello che questa sera scenderò per strada, raggiungerò la mia gente. Sfilerò con loro  sotto la pioggia, nella luce dell’inattualità inopportuna, per alleggerire nell’abbraccio rabbioso del gruppo compatto l’ingiustizia che ci opprime ogni giorno.

Annunci

Informazioni su torto45

Versi e visioni di rivolta metropolitana
Questa voce è stata pubblicata in Brevi storie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Lo pensi, lo scrivi, lo fai

  1. francesco ha detto:

    bello bello bello

  2. Tans ha detto:

    Bellissima Fra´

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...