La classe precaria va in paradiso

Proletari? Magari. Neanche quello. Folla di uomini e donne senza discendenza, sterilizzata dal mercato del lavoro, atomizzata in nuclei familiari da una unità, domiciliata in case coabitate. Chi  ammazzò il futuro è già morto, ma ha vissuto bene. Chi vive male muore ogni minuto, ammazza il passato e non lascerà traccia di sé. Corre veloce il criceto, ma nella ruota. Pedala e pedala il lavoratore, sulla cyclette. Tappa una falla della diga, se ne aprono mille. Paga le tasse, perde il lavoro. Trova il lavoro, perde la casa. Finisce il contratto, perde l’amore. Ne firma uno nuovo, perde i diritti. Trova una strada nuova, muore la vecchia auto. Finalmente lo assumono, poco dopo è già vecchio e solo. Cosa fare? Uscire di casa con una pistola giocattolo per farsi sparare da una vera, dopo una rapina? Spacciare cocaina per farsi arrestare quando serve al clan la vittima di turno? Leccare piedi, portare borse, procurarsi una paresi facciale per il sorriso imbecille esibito per anni ai potenti? Iscriversi al partito, all’Opus, alla loggia massonica o alla fondazione giusta? Trovarsi coniugi ricchi e stronzi tanto che te ne frega? Stare zitti? Urlare? Arrendersi? Combattere? Farsi nuovi amici? Nuovi nemici? Assumere puttane e spedirle a Palazzo? Lavoratore, ascolta bene: tu, semplicemente, non esisti più.   Torto

Annunci

Informazioni su torto45

Versi e visioni di rivolta metropolitana
Questa voce è stata pubblicata in Brevi storie. Contrassegna il permalink.

12 risposte a La classe precaria va in paradiso

  1. Francesca ha detto:

    Oddio quanto è vero…

  2. Giorgio ha detto:

    Odio quanto è vero…

  3. AntoWeb ha detto:

    Tristemente vero. Non mi ci rispecchio tanto io ma ho visto mio fratello nel tuo racconto. E lo stato ci sta spremendo fino a sfinirci, poi andrà in default.

  4. annxgonz ha detto:

    Lo senti che dice De Filippo? Chi non si ribella VA ALL’INFERNO, altro che seghe!
    E noi ci finiremo in blocco. Anzi, in tronco.

  5. annxgonz ha detto:

    “altro che seghe” è un modo di dire poco pugliese. Beh sai, restando nel campo delle seghe, la rivolta è una di quelle cose che non c’è gusto a fare soli.

  6. Bonkgirl ha detto:

    triste e cruda realtà. sono sotto i 30 e non ho futuro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...