Con tutto il fiato che ci resta

La vita prende, la vita dà. Costruimmo le nostre esistenze giorno dopo giorno, dalle fondamenta al tetto, cercando di dare un ordine alle cose e al mondo. Soffrimmo, sudammo e sprecammo le nostre energie per realizzare progetti fragili e perfetti come origami. La vita prende, la vita dà. Sapevamo benissimo  di contare ben poco, lontani dalla potenza di Dio o dell’universo, pur tuttavia non ci abbattemmo, opponendo l’ostinazione al destino, il calore dei nostri corpi mortali alla gelida infinità del tempo. Pietra dopo pietra, trave su trave, formiche pazienti ci caricammo addosso il peso dei giorni, cicale spensierate ne cantammo la fuggevole bellezza. Arginammo l’acqua, costruimmo barriere, strappammo la terra al mare per farne orti e città, strade e case, piazze e cattedrali. Brindammo alla tenacia del nostro impegno e alla vittoria sulle avversità, mettemmo radici che crebbero e diedero frutti abbondanti e succosi. Poi dimenticammo, credendo di vivere e dominare il fato per sempre. Così,  la nostra presunzione fu punita dal cielo e dal mare, che spazzarono via i giorni e gli anni, i frutti e le radici, gli alberi e le case, il nostro passato. Sommersi dal disordine, immersi quasi del tutto nell’Oceano, restammo qui, su questi scalini che portano dal nulla al nulla, nel nulla, la civiltà all’orizzonte, lontanissima, l’unica forza che ci lega il nostro amore, il nostro sostegno reciproco. E da questi scalini assurdi, da quest’ultimo pezzo di vita scampato alla furia del mondo, ricominceremo. Prostrati ma non vinti, affranti ma non sconfitti, riprenderemo il nostro cammino, strappando la terra al mare e i giorni al mondo, per gridare contro la sorte amara, con tutto il fiato che ci resta: “Siamo ancora vivi!”. E finché saremo vivi non ci arrenderemo mai.    Torto

Annunci

Informazioni su torto45

Versi e visioni di rivolta metropolitana
Questa voce è stata pubblicata in Brevi storie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Con tutto il fiato che ci resta

  1. annxgonz ha detto:

    Perché non siamo sconfitti?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...